martedì 25 settembre 2007

e qualcosa di Internazionale..!

...anche questa è una 'chicca' imperdibile: il mio mèntore dell'improvvisazione, blogger-inside a sua insaputa, altrimenti noto come 'El Pitòn', delizia la nutrita schiera dei suoi corrispondenti con lunghissime e particolareggiate mail: questo pezzo non posso non trascriverlo qui!

IMPROVVISAZIONE E TEATRO

Alla fine e' successo. Ho superato il timore della lingua e ho azzardato una partecipazione a un workshop di improvvisazione tenuto da tal Alan Marriott.

Tre ore di lezione domenicale aperta a tutti, neofiti e non. Modica la cifra: 10 sterline (15 euro).
Eravamo in 14, gruppo molto eterogeneo (gente che aveva esperienza fatta in -!- Australia, principianti assoluti e tutte le gradazioni intermedie). Qualcuno aveva proprio la faccia del ghegghettaro: capelli sparati verso l'alto col gel, sguardo strabuzzato... uno si muoveva proprio come Mr Bean!

Alan ci ha fatto lavorare molto sulle emozioni come motore dell'improvvisazione.
Didatticamente era molto interventista, nel senso che - mentre si improvvisava - dava consigli al volo o input per far uscire la coppia di turno dall'empasse in cui era finita.
Non fermava pero' l'improvvisazione ma interveniva in corsa ("Piu' convinto: sei innamorato!" oppure "Ecco, ora sta arrivando il treno!").
Quando toccava a me ci assegnava il gramelot (o, come si dice qua, il "gibberish" - cioe' un modo di parlare assolutamente inventato e privo di parole note), in modo da annullare il mio svantaggio con l'inglese.
Sentitamente ringrazio... :-)
Carte e penna alla mano (come mio solito) ho preso i miei soliti appunti. Tutto materiale da conservare!

Dopo siamo andati tutti insieme a bere in un pub e abbiamo chiacchierato amabilmente. In puro "stile COlorado"! :-)
Lui improvvisa da vent'anni e piu'... Benedico!
Mi ha detto che l'improvvisazione a Londra si sta iniziando a sviluppare di piu' solo da un paio d'anni a questa parte.
E io gia' mi figuravo gemellaggi con l'Italia, stage assortiti, raduni internazionali ecc. ecc.

Superato il blocco della lingua, ho deciso di andare a vedere un musical.
Mi sono accordato col mio amico Roberto (eh, si'! Gli italiani che conosco da queste parti non hanno molta fantasia in quanto a nomi... ;-p) e l'altra sera siamo andati a vedere "Avenue Q".
Si tratta di un musical interpretato da attori che usano i pupazzi stile Muppet (www.avenueqthemusical.co.uk, per chi e' curioso). Nato in America, e' sbarcato qua a Londra da quasi due anni (se non sbaglio) e sta riscuotendo un grande successo.
Io ne sono venuto a conoscenza guardando un'intervista agli attori in TV.
E' stato di-ver-ten-tis-si-mo! E pensare che mi sono perso di sicuro un 25% delle gag verbali!
Sono uscito esaltato, mi sono comprato il CD con le canzoni e oggi ho passato tutto il giorno fischiettandomi nella testa il tema dello spettacolo.
Vi potete immaginare la voglia che ho di tornare sul palco a far casino...

Datemi una quintaaaaaaaaaaaaa!
Voglio un riflettoreeeeeeee!
Dove sei maestro Biiiiiiiiigiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!

[saltellando qua e la' per l'ufficio come Scooby Doo alla ricerca di un panino] Sipario! Sipario! Sipario!

Grande Fra, sempre più MITO! ;-)))

4 commenti:

Anonimo ha detto...

...ma nn so' chi è che scrive???...chi è ..??
lasabbri

Michiko ha detto...

Alto alto alto, napoletano di nascita, genovese di gioventù, oggi milanès ma già internazionalizzato, conta decine e decine di fan - di tutti i sessi! ;)- che ipnotizza su ritmi latini... implacabilmente Lui, Francesco Ferrara!
(ahò, Fra, poi mi paghi, eh!)

Anonimo ha detto...

ahhhhhhh.....el pistagnon!!!
saooooooooooooooooooooooo
lasabbri

carlottta ha detto...

grande michi!! su tutta la linea...era un pò che non facevo un salto sul nostro blog...ed ho apprezzato tutto tantissimo!! come sempre sei aggiornatissima...e spero sia un crescendo di racconti e news!!!
baci per tutti ma soprattutto...MEGA ABBRACCIO A FEDE...marchiato sul cuore IL FEDE!
carlottta